dicono di noi

Aprile 2015

copertina urloDall’Urlo n.220 Aprile 2015

Mensile di resistenza Giovanile

urlo articolo


21 Aprile 2015

Aquili sul progetto ‘Spre.ko’: “Aperto un cammino, aumentare partecipazione e consapevolezza”

Aquili sul progetto ‘Spre.ko’: “Aperto un cammino, aumentare partecipazione e consapevolezza”

Con il progetto “Spre.ko” di CittadinanzAttiva di Chiaravalle, percorso formativo e di partecipazione per le scuole e la cittadinanza si è messo mano concretamente alla urgenza di intervenire su gli sprechi in generale e stamane in particolare sullo spreco di suolo agricolo e urbano. Un tema all’ordine del giorno della nostra città (per i problemi urbanistici in discussione) ma valido per tutto il territorio nazionale. Progetto finanziato dal Centro Servizi Volontariato, la partecipazione del comune di Chiaravalle, Istituto comprensivo “Montessori”, Istituto superiore “PodestiCalzecchi Onesti”, Istituto “Panzini” di Senigallia e Avis di Chiaravalle.

Dopo gli interventi della responsabile di C.Attiva Sig.ra Mariella Ceccarelli, del vice sindaco Sig.ra Cristina Amicucci, sono intervenute due giovanissime ingegneri che attraverso spiegazioni tecnicamente comprensibili e illustrazioni hanno incominciato a fornirci indicazioni di come recuperare il patrimonio edilizio esistente partendo da un possibile recupero della torre dell’acquedotto.
Ricca di serie analisi e di profonda conoscenza degli aspetti sociali, economici istituzionali e quindi politici, gravitanti in modo reciproco ed indissolubile con la pianificazione territoriale e con il rispetto del bene paesaggistico è stata la relazione dell’Arch. Antonio Minetti.
Sono intervenuti alcuni studenti e il Preside dell’Istituto chiaravallese che hanno illustrato i lavori e le proposte per eliminare lo spreco.
L’Agronomo Evasio Bastianelli della Cia, ha compiuto un percorso partendo alle origini del disastro idrogeologico e dei cambiamenti climatici fornendoci molti argomenti di approfondimento del perché, attraverso il mutamento dei rapporti agrari, delle coltivazioni riguardanti i tempi ed il ruolo della mezzadria, e la monocultura oramai estesa ma  sostenuta e condizionata non solo dalla chimica, ma dai rapporti sia a livello dell’Europa ma anche dalla globalizzazione.

Per chi ha avuto la possibilità, ma anche la curiosità di poter partecipare e assistere a questo alto e inedito confronto (molto raro dappertutto), può dirsi fortunato e di uscire arricchito per incominciare a diffondere il verbo della consapevolezza che si incarna con la conoscenza. E oggi la conoscenza nel teatro di Chiaravalle ha aperto e illuminato un cammino che sarà fecondo quanto più aumenteranno la partecipazione (oggi piuttosto scarsa; a pochi metri dal teatro c’era chi spesse volte ce l’ha con tutti, ma non partecipa mai), ma soprattutto la consapevolezza di divenire e di essere cittadini attivi.
Buon lavoro agli organizzatori e grazie a tutti gli intervenuti.

da Gianni Aquili


14 Maggio 2015

“È merito di pochi (e fortuna di molti) l’impegno – anima e corpo – per fare qualcosa di positivo, utile e bello per migliorare la nostra quotidianità. In questo caso mi riferisco all’evento SPRE.KO. che si è tenuto qualche giorno fa a Chiaravalle.
Il merito di questa bella iniziativa è stato di CittadinanzAttiva Ancona nord -Chiaravalle, e in particolare della responsabile locale Mariella Ceccarelli, una persona dalla positività contagiosa.
Nel corso della mattinata, i ragazzi della scuola alberghiera Panzini di Senigallia, guidati da uno chef, hanno dimostrato quanto possa essere semplice utilizzare gli avanzi di pranzi e cene, preparando piatti da veri gourmet. Gli assaggi sono stati generosi e molto apprezzati da tutti (indimenticabile la panzanella rivisitata).
Ma al di là della riuscita dell’evento, quello che mi preme comunicare è che apprezzo tanto la cura, l’impegno e la passione profusa per la realizzazione di progetti come questi, purtroppo poco considerati dalla cittadinanza, eppure così meritevoli di lode.”
da Caterina Saracino